Condividi Ora!

Oggi più che mai

dovremmo omaggiare

tutti i medici che assistono

i bambini ammalati,

coloro che lasciano le loro famiglie

anche nei giorni di festa

per curare ed alleviare

la malattia e il il dolore

 

In altri tempi, oggi sarebbe stata una giornata fuori porta,

fatta di immagini al telegiornale di spiagge, di code in autostrada, di pic-nic in montagna.

Invece il 1° Maggio 2020 sarà ricordato come la festa mancata.

Ma il pensiero come sempre

va a chi comunque

non avrebbe festeggiato.

Ai bambini  ricoverati in ospedale, ai piccoli esseri sopraffatti

dalla malattia, sofferenti,

arrabbiati, scontrosi,

scostanti, intrattabili.

Questi dolci fanciulli non hanno scelto di ammalarsi, non hanno avuto voce nell’essere rinchiusi in una stanza

e non poter godere dei raggi del sole che bacia loro il viso.

Subiscono le terapie, le trasfusioni, gli interventi e non ne possono più!

Questi bambini erano come gli altri, sono nati sani e vogliono ritornare come prima!!!

Amano giocare con i loro simili e cercano l’amicizia, l’aggregazione, odiano stare soli

ed è per questo che i laboratori e le feste della Casa di Joy sono sempre così numerose,

perchè si dà spazio alla felicità, ai sogni, si aiuta chi è in difficoltà e lo si mette a suo agio…

la chiave è rendere lieve almeno un giorno della malattia.

Ma la malattia non è fatta solo di bambini, è fatta anche di genitori disperati , angosciati, amareggiati,

 fratelli e sorelle messi da parte per focalizzarsi sulla

“GRANDE PAURA”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutta la famiglia si ammala di malinconia, solitudine, malumore.

Capita ed è capitato

che ci sono papà o mamme che lasciano il lavoro per seguire il loro figlio

durante la malattia, spesso liberi professionisti; chi pensa a loro?

Oggi 1° Maggio, come sarà il loro umore?

La rabbia di non avere redditi perchè un “Mostro” più grande ha aggredito il figlio amatissimo

e il dispiacere di dover scegliere la priorità.

La verità è che l’isolamento di questi giorni, la mancanza di lavoro, di attività che chiudono…

è una realtà già vista, già pervasa da certe famiglie che con grande dignità si rimboccano le maniche

e vanno avanti con coraggio, qualche volta sconfortati e nel buio della solitudine della loro famiglia

trovano gli espedienti per superare un giorno alla volta le difficoltà che si presentano.

Ci sono tanti bambini che oggi vorrebbero fare due passi nell’erba fresca,

con la mascherina,

tanto la portano sempre!!!

Sarebbe proprio bello poter stare in giardino…

non c’è bisogno di andare lontani, Noi ci accontentiamo delle piccole cose!

Il 1° Maggio è la festa dei lavoratori,

è la festa di chi ha la fortuna di vivere

una vita dignitosa e oseremmo dire “felice”


Condividi Ora!